COP15: PER AFFRONTARE LE MINACCE ALLA BIODIVERSITÀ “SENZA PRECEDENTI”

Poche settimane prima della cruciale conferenza sul clima COP26, un altro vertice globale delle Nazioni Unite, incaricato di invertire la distruzione della natura, prende ufficialmente il via oggi a Kunming, in Cina.

Incentrata sulla biodiversità, la COP15 è meno conosciuta del vertice gemello sul clima, ma affronta questioni non meno vitali per la salute del pianeta, come combattere l’inquinamento, proteggere gli ecosistemi e prevenire l’estinzione di massa.

La sessione online che inizia oggi sarà seguita da un incontro faccia a faccia tra il 25 aprile e l’8 maggio 2022, durante il quale verrà stipulato un accordo finale sulla biodiversità globale.

Chi è coinvolto?

Le discussioni alla COP15 si basano sulla Convenzione sulla diversità biologica (CBD), un trattato ratificato da 195 paesi e dall’Unione Europea, ma non dagli Stati Uniti, il più grande inquinatore storico del mondo. I partiti si incontrano ogni due anni.

Il CBD è stato redatto nel 1992 al Summit della Terra a Rio. I suoi obiettivi dichiarati sono preservare la diversità delle specie sulla Terra e stabilire linee guida su come sfruttare le risorse naturali in modo sostenibile e giusto.

Il raduno di quest’anno, originariamente fissato per il 2020, è stato rinviato a causa della pandemia di Covid-19.

Quali sono gli obiettivi di quest’anno?

Questi includono lo status protetto del 30% delle terre e degli oceani, una misura supportata da un’ampia coalizione di nazioni, tra cui Francia e Costa Rica.

Un altro obiettivo è dimezzare l’uso di fertilizzanti in modo che una minore quantità di sostanza ricca di azoto penetri nelle acque dolci e oceaniche.

Il progetto di patto prevede anche la riduzione dell’uso di pesticidi di almeno due terzi e l’interruzione totale dello scarico dei rifiuti di plastica.

Un’altra misura vedrebbe i sussidi per le industrie dannose per l’ambiente ridotti di “almeno 500 miliardi di dollari all’anno”.

Senza denaro e senza controllo, tuttavia, queste misure rischiano di diventare vuote promesse, avvertono gli esperti.

La COP15 e la COP26 sono collegate? 

Sì e no. I negoziati nell’ambito delle due convenzioni si svolgono su binari separati e non si intersecano. Ma le parti di entrambi i trattati sono sempre più alla ricerca di soluzioni che si sovrappongano.

“Non possiamo risolvere il cambiamento climatico senza la biodiversità e non possiamo risolvere la perdita di biodiversità senza il cambiamento climatico. Sono due crisi intrecciate e vanno affrontate insieme“, ha affermato il segretario esecutivo del CBD Elizabeth Maruma Mrema.

Gli ecosistemi sani, in particolare le foreste e gli oceani, sono migliori pozzi di assorbimento del carbonio per assorbire l’inquinamento da CO2.

Questi a loro volta sono vitali per mantenere il riscaldamento globale a livelli che sono sopravvissuti per l’umanità e altre specie.

Qual è il ruolo della Cina? 

Maruma Mrema afferma che lo status della Cina come paese ospitante per i negoziati significa che il principale inquinatore di carbonio del mondo e la nazione più popolosa “assumeranno la leadership globale nell’agenda della biodiversità”.

Una dichiarazione nota come Dichiarazione di Kunming, che sarà svelata all’inaugurazione della Conferenza, darà il tono alla leadership cinese, ha affermato Li Shuo, consulente politico globale per Greenpeace China.

“Pechino ha il compito di salvare una convenzione ambientale debole dall’orlo di un collasso reputazionale”, ha detto.

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo e Global Change Ecologist, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo e Global Change Ecologist, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.

Continua a leggere...

SDG 5: PARITÀ DI GENERE

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e

Leggi altro »

SDG 3: Salute e Benessere

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e

Leggi altro »
Generare Elettricità dalle Ombre?

Generare Elettricità dalle Ombre?

Le ombre sono spesso associate all’oscurità e all’incertezza. Ora, i ricercatori del NUS (National University of Singapore) stanno dando alle ombre una svolta positiva dimostrando

Leggi altro »
Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.