La Mano dell’Uomo sul Riscaldamento Globale

La Mano dell'Uomo sul Riscaldamento Globale

I miglioramenti nelle stime basate sull’osservazione e le informazioni dagli archivi del paleoclima forniscono una visione completa di ogni componente del sistema climatico e dei suoi cambiamenti fino ad oggi. Nuove simulazioni di modelli climatici, nuove analisi e metodi che combinano più linee di prova portano a una migliore comprensione dell’influenza umana su una gamma più ampia di variabili climatiche, comprese le condizioni meteorologiche e gli estremi climatici. Vediamo, dunque, quanto è importante la mano dell’uomo sul riscaldamento globale.

È inequivocabile che l’influenza umana ha riscaldato l’atmosfera, l’oceano e la terra


Si sono verificati cambiamenti diffusi e rapidi nell’atmosfera, nell’oceano, nella criosfera e nella biosfera. Gli aumenti osservati nelle concentrazioni di gas serra (GHG) ben miscelati dal 1750 circa sono inequivocabilmente causati dalle attività umane. Dal 2011, le concentrazioni nell’atmosfera hanno continuato ad aumentare, raggiungendo medie annue di 410 ppm per l’anidride carbonica (CO2), 1866 ppb per il metano (CH4) e 332 ppb per il protossido di azoto (N2O) nel 2019. La terra e l’oceano hanno assorbito una proporzione quasi costante (globalmente circa il 56% all’anno) delle emissioni di CO2 dalle attività umane negli ultimi sei decenni, con differenze regionali.

La Mano dell'Uomo sul Riscaldamento Globale

Ciascuno degli ultimi quattro decenni è stato successivamente più caldo di qualsiasi decennio che lo ha preceduto dal 1850

La temperatura superficiale globale nei primi due decenni del 21° secolo (2001-2020) è stata di 0,99 [0,84-1,10] °C superiore a quella del 1850-1900. La temperatura superficiale globale è stata di 1,09 [da 0,95 a 1,20] °C più alta nel 2011-2020 rispetto al 1850-1900, con aumenti maggiori sulla terraferma (1,59 [da 1,34 a 1,83] °C) che sull’oceano (0,88 [da 0,68 a 1,01] °C). ). L’aumento stimato della temperatura superficiale globale è dovuto principalmente all’ulteriore riscaldamento dal 2003 al 2012 (+0,19 [da 0,16 a 0,22] °C). Inoltre, i progressi metodologici e i nuovi set di dati hanno contribuito con circa 0,1°C alla stima aggiornata del riscaldamento.

L’intervallo probabile dell’aumento totale della temperatura superficiale globale causato dall’uomo dal 1850-1900 al 2010-2019 è compreso tra 0,8°C e 1,3°C, con una stima migliore di 1,07°C. È probabile che i gas serra ben miscelati abbiano contribuito a un riscaldamento da 1,0°C a 2,0°C, altri conducenti umani (principalmente aerosol) hanno contribuito a un raffreddamento da 0,0°C a 0,8°C, i conducenti naturali hanno modificato la temperatura superficiale globale da -0,1°C a 0,1°C e la variabilità interna è cambiata da –0.2°C a 0.2°C. È molto probabile che i gas serra ben miscelati siano stati il principale motore del riscaldamento troposferico dal 1979, ed estremamente probabile che l’esaurimento dell’ozono stratosferico causato dall’uomo sia stato il principale motore del raffreddamento della bassa stratosfera tra il 1979 e la metà degli anni ’90.

La Mano dell'Uomo sul Riscaldamento Globale

L’influenza umana sulle precipitazioni e la salinità oceanica

Le precipitazioni medie globali sulla terra sono probabilmente aumentate dal 1950, con un tasso di aumento più rapido dagli anni ’80. È probabile che l’influenza umana abbia contribuito al modello dei cambiamenti osservati delle precipitazioni dalla metà del XX secolo, ed estremamente probabile che l’influenza umana abbia contribuito al modello dei cambiamenti osservati nella salinità dell’oceano vicino alla superficie. Le tracce delle tempeste alle medie latitudini si sono probabilmente spostate verso i poli in entrambi gli emisferi dagli anni ’80, con una marcata stagionalità nelle tendenze.

Il ritiro globale dei ghiacciai

L’influenza umana è molto probabilmente il principale motore del ritiro globale dei ghiacciai dagli anni ’90 e della diminuzione dell’area del ghiaccio marino artico tra il 1979-1988 e il 2010-2019 (circa il 40% a settembre e circa il 10% a marzo). Non c’è stata una tendenza significativa nell’area del ghiaccio marino antartico dal 1979 al 2020 a causa di tendenze opposte a livello regionale e di un’ampia variabilità interna. L’influenza umana molto probabilmente ha contribuito alla diminuzione della copertura nevosa primaverile dell’emisfero settentrionale dal 1950. È molto probabile che l’influenza umana abbia contribuito allo scioglimento superficiale osservato della calotta glaciale della Groenlandia negli ultimi due decenni, ma ci sono solo prove limitate, con accordo medio, dell’influenza umana sulla perdita di massa della calotta glaciale antartica.

Le emissioni di CO2 causa dell’acidificazione dell’oceano

È praticamente certo che l’oceano superiore globale (0-700 m) si sia riscaldato dagli anni ’70 ed è estremamente probabile che l’influenza umana sia la causa principale. È praticamente certo che le emissioni di CO2 causate dall’uomo sono il principale motore dell’attuale acidificazione globale della superficie dell’oceano aperto. C’è un’elevata fiducia che i livelli di ossigeno siano diminuiti in molte regioni oceaniche superiori dalla metà del 20 ° secolo, e una fiducia media che l’influenza umana abbia contribuito a questo calo.

L’aumento del livello del mare

Il livello medio globale del mare è aumentato di 0,20 [da 0,15 a 0,25] m tra il 1901 e il 2018. Il tasso medio di aumento del livello del mare è stato di 1,3 [da 0,6 a 2,1] mm all’anno tra il 1901 e il 1971, aumentando a 1,9 [da 0,8 a 2,9] mm all’anno tra il 1971 e il 2006, e in ulteriore aumento a 3,7 [da 3,2 a 4,2] mm all’anno tra il 2006 e il 2018 (alta confidenza). L’influenza umana è stata molto probabilmente il principale motore di questi aumenti almeno dal 1971.

Le conseguenze biologiche

I cambiamenti nella biosfera terrestre dal 1970 sono coerenti con il riscaldamento globale: le zone climatiche si sono spostate ai poli in entrambi gli emisferi e la stagione di crescita si è in media allungata fino a due giorni per decennio dagli anni ’50 negli extratropici dell’emisfero settentrionale.

Fonte (Climate Change 2021 The Physical Science Basis-IPCC)

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico e Global Change Ecologist, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico e Global Change Ecologist, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.

Continua a leggere...

Generare Elettricità dalle Ombre?

Generare Elettricità dalle Ombre?

Le ombre sono spesso associate all’oscurità e all’incertezza. Ora, i ricercatori del NUS (National University of Singapore) stanno dando alle ombre una svolta positiva dimostrando

Leggi altro »
SDG 15: Vita sulla Terra

SDG 15: Vita sulla Terra

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e

Leggi altro »
Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.