SDG 13: Agire per il Clima

SDG 13: Agire per il Clima

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e la prosperità delle persone e del pianeta, ora e nel futuro. Al centro ci sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG), che sono un appello urgente all’azione da parte di tutti i paesi – sviluppati e in via di sviluppo – in una partnership globale. Riconoscono che porre fine alla povertà e ad altre privazioni deve andare di pari passo con strategie che migliorano la salute e l’istruzione, riducono le disuguaglianze e stimolano la crescita economica, il tutto affrontando il cambiamento climatico e lavorando per preservare i nostri oceani e foreste. Analizziamo nel dettaglio il SDG 13: agire per il clima.

Intraprendere azioni urgenti per combattere il cambiamento climatico e i suoi impatti

Il cambiamento climatico è una minaccia reale e innegabile per la nostra intera civiltà. Gli effetti sono già visibili e saranno catastrofici se non agiamo ora. Attraverso l’istruzione, l’innovazione e l’adesione ai nostri impegni sul clima, possiamo apportare i cambiamenti necessari per proteggere il pianeta. Questi cambiamenti offrono anche enormi opportunità per modernizzare la nostra infrastruttura che creerà nuovi posti di lavoro e promuoverà una maggiore prosperità in tutto il mondo.

Il 2019 è stato il secondo anno più caldo mai registrato e la fine del decennio più caldo (2010-2019) mai registrato. I livelli di anidride carbonica (CO2) e altri gas serra nell’atmosfera hanno raggiunto nuovi record nel 2019. Il cambiamento climatico sta colpendo ogni paese in ogni continente, sta sconvolgendo le economie nazionali e influenzando la vita. I modelli meteorologici stanno cambiando, il livello del mare sta aumentando e gli eventi meteorologici stanno diventando più estremi.

L’accordo di Parigi, adottato nel 2015, mira a rafforzare la risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico mantenendo un aumento della temperatura globale in questo secolo ben al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. L’accordo mira inoltre a rafforzare la capacità dei paesi di affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici, attraverso adeguati flussi finanziari, un nuovo quadro tecnologico e un quadro rafforzato di sviluppo delle capacità.

COVID-19

Sebbene si preveda che le emissioni di gas serra diminuiranno di circa il 6% nel 2020 a causa dei divieti di viaggio e dei rallentamenti economici derivanti dalla pandemia di COVID-19, questo miglioramento è solo temporaneo. Il cambiamento climatico non è in pausa. Una volta che l’economia globale inizierà a riprendersi dalla pandemia, si prevede che le emissioni torneranno a livelli più elevati.

Mentre i paesi si muovono verso la ricostruzione delle loro economie dopo il COVID-19, i piani di ripresa possono plasmare l’economia del 21° secolo in modi puliti, ecologici, sani, sicuri e più resilienti. L’attuale crisi è un’opportunità per un cambiamento profondo e sistemico verso un’economia più sostenibile che funzioni sia per le persone che per il pianeta.

Per affrontare l’emergenza climatica, i piani di ripresa post-pandemia devono innescare cambiamenti sistemici a lungo termine che cambieranno la traiettoria dei livelli di CO2 nell’atmosfera.

La dimensione ambientale del SDG 13

Il cambiamento climatico sta avendo profonde conseguenze sulla diversità della vita del nostro pianeta e sulla vita delle persone. Il livello del mare si sta alzando e gli oceani si stanno riscaldando. Siccità più lunghe e intense minacciano le forniture di acqua dolce e i raccolti, mettendo in pericolo gli sforzi per nutrire una popolazione mondiale in crescita. Senza azione, il clima che cambia comprometterà seriamente la produzione alimentare in paesi e regioni che sono già altamente insicuri dal punto di vista alimentare. Influirà sulla disponibilità di cibo riducendo la produttività delle colture, del bestiame e della pesca e ostacolerà l’accesso al cibo interrompendo i mezzi di sussistenza di milioni di persone rurali che dipendono dall’agricoltura per il proprio reddito. Inoltre, le infrastrutture e alcuni settori economici sono vulnerabili ai rischi dei cambiamenti climatici, in particolare, nelle regioni sviluppate.

I 5 target dell’ONU per il SDG 13

L’ONU ha definito 5 target e 8 indicatori per il SDG 13. I target specificano gli obiettivi e gli indicatori rappresentano le metriche con cui il mondo mira a monitorare se questi target vengono raggiunti. Di seguito riportiamo il testo originale di tutti i target con i vari indicatori associati ad ognuno.

Target 13.1: rafforzare la resilienza e la capacità di adattamento ai disastri legati al clima

L’indicatore 13.1.1 è il numero di morti, dispersi e persone colpite da calamità ogni 100.000 persone.

Gli indicatori misurati qui riportano i tassi di mortalità, gli sfollati interni, le persone scomparse e il numero totale di disastri naturali.

L’indicatore 13.1.2 è il numero di paesi con strategie nazionali e locali di riduzione del rischio di catastrofi in linea con il Sendai Framework for Disaster Risk Reduction 2015-2030.

Questo indicatore identifica i paesi che hanno e non hanno adottato e implementato strategie di gestione del rischio di catastrofi in linea con il Sendai Framework for Disaster Risk Reduction.

L’indicatore 13.1.3 è la percentuale di governi locali che adottano e attuano strategie locali di riduzione del rischio di catastrofi in linea con le strategie nazionali di riduzione del rischio di catastrofi.

Obiettivo: rafforzare la resilienza e la capacità di adattamento ai rischi legati al clima e ai disastri naturali in tutti i paesi entro il 2030.

Target 13.2: integrazione del cambiamento climatico nelle politiche nazionali

L’indicatore 13.2.1 è il numero di paesi che hanno comunicato l’istituzione o l’attuazione di una politica/strategia/piano integrato che aumenti la loro capacità di adattamento agli impatti negativi dei cambiamenti climatici e promuova la resilienza climatica e lo sviluppo a basse emissioni di gas serra.

Questo indicatore misura il numero di paesi che hanno sottoscritto accordi multilaterali sui cambiamenti climatici. Attualmente questo indicatore non riflette i livelli di operatività o attuazione delle azioni di mitigazione e adattamento al clima.

Obiettivo: integrare le misure sul cambiamento climatico nelle politiche, nelle strategie e nella pianificazione nazionali entro il 2030.

Target 13.3: costruire conoscenze e capacità per affrontare il cambiamento climatico

L’indicatore 13.3.1 è il numero di paesi che hanno integrato mitigazione, adattamento, riduzione dell’impatto e allerta precoce nei curricoli primari, secondari e terziari.

L’indicatore 13.3.2 è il numero di paesi che hanno comunicato il rafforzamento del rafforzamento delle capacità istituzionali, sistemiche e individuali per attuare azioni di adattamento, mitigazione e trasferimento tecnologico e sviluppo.

Obiettivo: migliorare l’istruzione, la sensibilizzazione e la capacità umana e istituzionale in materia di mitigazione dei cambiamenti climatici, adattamento, riduzione dell’impatto e allerta precoce entro il 2030.

Target 13.a: implementare la UN Framework Convention on Climate Change

Indicatore 13.a.1 è l’importo mobilitato di dollari statunitensi all’anno tra il 2020 e il 2025 responsabile dell’impegno di 100 miliardi di dollari.

Questo indicatore misura gli attuali impegni assunti dai paesi nei confronti del Green Climate Fund (GCF) come contributi annuali in dollari statunitensi promessi.

Obiettivo: migliorare l’impegno assunto dalle parti dei paesi sviluppati alla UN Framework Convention on Climate Change con l’obiettivo di mobilitare congiuntamente 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 da tutte le fonti.

Target 13.b: promuovere meccanismi per aumentare la capacità di pianificazione e gestione

Indicatore 13.b.1 è il numero di paesi meno sviluppati e piccoli Stati insulari in via di sviluppo che stanno ricevendo un sostegno specializzato e l’importo del sostegno, compresi finanziamenti, tecnologia e sviluppo di capacità, per i meccanismi di aumento delle capacità di pianificazione e gestione efficaci in relazione ai cambiamenti climatici.

Obiettivo: promuovere meccanismi per aumentare la capacità di un’efficace pianificazione e gestione dei cambiamenti climatici nei paesi meno sviluppati entro il 2030.

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo ed ecologo, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo ed ecologo, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.

Continua a leggere...

Generare Elettricità dalle Ombre?

Generare Elettricità dalle Ombre?

Le ombre sono spesso associate all’oscurità e all’incertezza. Ora, i ricercatori del NUS (National University of Singapore) stanno dando alle ombre una svolta positiva dimostrando

Leggi altro »
Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.