SDG 15: Vita sulla Terra

SDG 15: Vita sulla Terra

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e la prosperità delle persone e del pianeta, ora e nel futuro. Al centro ci sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG), che sono un appello urgente all’azione da parte di tutti i paesi – sviluppati e in via di sviluppo – in una partnership globale. Riconoscono che porre fine alla povertà e ad altre privazioni deve andare di pari passo con strategie che migliorano la salute e l’istruzione, riducono le disuguaglianze e stimolano la crescita economica, il tutto affrontando il cambiamento climatico e lavorando per preservare i nostri oceani e foreste. Analizziamo nel dettaglio il SDG 15 che parla della vita sulla terra.

Gestire in modo sostenibile le foreste, combattere la desertificazione, arrestare e invertire il degrado del suolo, arrestare la perdita di biodiversità

Le foreste coprono il 30% della superficie terrestre e, oltre a fornire sicurezza alimentare e riparo, sono fondamentali per combattere i cambiamenti climatici e proteggere la biodiversità. Ogni anno si perdono tredici milioni di ettari di foreste mentre il persistente degrado delle terre aride ha portato alla desertificazione di 3,6 miliardi di ettari.

La natura è fondamentale per la nostra sopravvivenza: la natura ci fornisce il nostro ossigeno, regola i nostri modelli meteorologici, impollina le nostre colture, produce il nostro cibo, mangimi e fibre. Ma è sotto stress crescente. L’attività umana ha alterato quasi il 75% della superficie terrestre, costringendo la fauna selvatica e la natura in un angolo sempre più piccolo del pianeta.

La deforestazione e il degrado delle foreste, la continua perdita di biodiversità e il continuo degrado degli ecosistemi stanno avendo profonde conseguenze per il benessere e la sopravvivenza dell’uomo. Il mondo non ha raggiunto gli obiettivi del 2020 per fermare la perdita di biodiversità. La pandemia del COVID-19 ha confermato che minacciando la biodiversità, l’umanità minaccia la propria sopravvivenza. Mentre si stanno compiendo grandi sforzi per espandere la gestione sostenibile delle foreste, aumentare la copertura delle aree chiave della biodiversità e firmare leggi e trattati per proteggere la biodiversità e gli ecosistemi, resta ancora molto da fare per mettere la salute del pianeta al centro di tutti i nostri piani e le nostre politiche.

Secondo il Global Assessment Report on Biodiversity and Ecosystem Service 2019, circa 1 milione di specie animali e vegetali sono minacciate di estinzione, molte entro decenni. Il rapporto chiedeva cambiamenti trasformativi per ripristinare e proteggere la natura. Ha inoltre scoperto che la salute degli ecosistemi da cui noi e tutte le altre specie dipendiamo si sta deteriorando più rapidamente che mai, colpendo le fondamenta stesse delle nostre economie, mezzi di sussistenza, sicurezza alimentare, salute e qualità della vita in tutto il mondo.

Inoltre anche la salute del nostro pianeta gioca un ruolo importante nell’insorgere delle malattie zoonotiche, cioè malattie trasmissibili tra animali e uomo. Mentre continuiamo a invadere ecosistemi fragili, portiamo gli esseri umani a un contatto sempre maggiore con la fauna selvatica, consentendo agli agenti patogeni della fauna di riversarsi sul bestiame e sugli esseri umani, aumentando il rischio di insorgenza ed amplificazione di malattie.

Cosa sono i servizi ecosistemici?

I servizi ecosistemici sono i numerosi e vari benefici per l’uomo forniti dall’ambiente naturale e da ecosistemi sani.

Il Millennium Ecosystem Assessment (MA), un importante sforzo sponsorizzato dalle Nazioni Unite per analizzare l’impatto delle azioni umane sugli ecosistemi e sul benessere umano, ha identificato quattro principali categorie di servizi ecosistemici: approvvigionamento, regolamentazione, servizi culturali e di supporto.

1. Servizi di approvvigionamento

Frutta, verdura, alberi, pesce e bestiame sono a nostra disposizione come prodotti diretti degli ecosistemi. Un servizio di approvvigionamento è qualsiasi tipo di beneficio per le persone che può essere estratto dalla natura. Oltre al cibo, altri tipi di servizi di approvvigionamento includono acqua potabile, legname, legna da ardere, gas naturale, oli, piante che possono essere trasformate in vestiti e altri materiali e benefici medicinali.

2. Servizi di regolamentazione

Gli ecosistemi forniscono molti dei servizi di base che rendono possibile la vita delle persone. Le piante puliscono l’aria e filtrano l’acqua, i batteri decompongono i rifiuti, le api impollinano i fiori e le radici degli alberi trattengono il terreno per prevenire l’erosione. Tutti questi processi lavorano insieme per rendere gli ecosistemi puliti, sostenibili, funzionali e resistenti al cambiamento. Un servizio di regolazione è il beneficio fornito dai processi ecosistemici che moderano i fenomeni naturali. I servizi di regolamentazione includono l’impollinazione, la decomposizione, la purificazione dell’acqua, l’erosione e il controllo delle inondazioni, lo stoccaggio del carbonio e la regolazione del clima.

3. Servizi culturali

Mentre interagiamo e alteriamo la natura, il mondo naturale ha a sua volta alterato noi. Ha guidato il nostro sviluppo culturale, intellettuale e sociale essendo una forza costante presente nelle nostre vite. L’importanza degli ecosistemi per la mente umana può essere fatta risalire all’inizio dell’umanità con antiche civiltà che disegnavano immagini di animali, piante e modelli meteorologici sulle pareti delle caverne. Un servizio culturale è un beneficio immateriale che contribuisce allo sviluppo e al progresso culturale delle persone, compreso il modo in cui gli ecosistemi svolgono un ruolo nelle culture locali, nazionali e globali; la costruzione della conoscenza e la diffusione delle idee; creatività nata dalle interazioni con la natura (musica, arte, architettura); e ricreazione.

4. Servizi di supporto

Il mondo naturale offre così tanti servizi, a volte trascuriamo i più fondamentali. Gli ecosistemi stessi non potrebbero essere sostenuti senza processi naturali sottostanti, come la fotosintesi, il ciclo dei nutrienti, la creazione di suoli e il ciclo dell’acqua. Questi processi consentono alla Terra di sostenere le forme di vita di base, per non parlare di interi ecosistemi e persone. Senza servizi di supporto non esisterebbero servizi di approvvigionamento, regolamentari e culturali.

Business e servizi ecosistemici

Le attività commerciali e gli ecosistemi sono collegati. Le aziende influenzano gli ecosistemi perché si affidano ai servizi di approvvigionamento (ad esempio acqua dolce, legname, cibo) e ai servizi di regolamentazione (ad esempio la regolazione del clima, il controllo delle inondazioni, la purificazione dell’acqua) forniti dagli ecosistemi. Il 60% dei servizi ecosistemici del mondo è stato degradato negli ultimi 50 anni e continuiamo a svalutare le nostre risorse naturali a un ritmo allarmante. Le stime indicano che ogni anno si perdono 2-5 trilioni di dollari di servizi ecosistemici a causa della sola deforestazione. Mentre molti degli effetti si fanno sentire prima a livello locale, le conseguenze a lungo termine sono globali e la scala è molto rilevante per il business, presentando rischi e opportunità.

Per mantenere l’integrità e la vitalità delle risorse naturali, oggi e per le generazioni future e per garantire la crescita socioeconomica e la prosperità a lungo termine, è fondamentale una gestione sostenibile del territorio. Le imprese possono contribuire direttamente a questo SDG misurando, gestendo e mitigando il suo impatto e la dipendenza dal suolo e dagli ecosistemi. Le aziende possono implementare strategie per incentivare l‘uso sostenibile del suolo, la gestione responsabile delle foreste e la tutela dell’ambiente. Per garantire l’approvvigionamento di risorse naturali e materie prime in futuro, le aziende dovranno anche aumentare gli sforzi per ripristinare i terreni degradati. Aumentando la ricerca e lo sviluppo nell’innovazione, investendo nelle infrastrutture naturali e implementando politiche di approvvigionamento responsabile, le aziende svolgono un ruolo fondamentale nella conservazione e nel ripristino di ecosistemi vitali, promuovendo l’uso sostenibile del territorio e delle foreste, pur mantenendo la fiducia dei consumatori nelle loro offerte di prodotti.

La dimensione ambientale del SDG 15

La deforestazione e la desertificazione, causate dalle attività umane e dai cambiamenti climatici, pongono grandi sfide allo sviluppo sostenibile e hanno influito sulla vita e sui mezzi di sussistenza di milioni di persone. Le foreste sono di vitale importanza per sostenere la vita sulla Terra e svolgono un ruolo importante nella lotta ai cambiamenti climatici. E investire nel ripristino della terra è fondamentale per migliorare i mezzi di sussistenza, ridurre le vulnerabilità e ridurre i rischi per l’economia.

Una vita fiorente sulla terra è il fondamento della nostra vita su questo pianeta. Facciamo tutti parte dell’ecosistema del pianeta e abbiamo causato gravi danni ad esso attraverso la deforestazione, la perdita di habitat naturali e il degrado del suolo. Promuovere un uso sostenibile dei nostri ecosistemi e preservare la biodiversità non è solo una soluzione, ma è la chiave per la nostra stessa sopravvivenza.

I 12 target dell’ONU per il SDG 15

L’ONU ha definito 12 target e 14 indicatori per il SDG 15. I target specificano gli obiettivi e gli indicatori rappresentano le metriche con cui il mondo mira a monitorare se questi target vengono raggiunti. Di seguito riportiamo il testo originale di tutti i target con i vari indicatori associati ad ognuno.

Target 15.1: conservare e ripristinare gli ecosistemi terrestri e d’acqua dolce

L’indicatore 15.1.1 è la superficie forestale in proporzione alla superficie totale.

L’area forestale è il terreno sotto boschi naturali o piantati di almeno 5 metri in situ, produttivi o meno, ed esclude i popolamenti arborei nei sistemi di produzione agricola (ad esempio, nelle piantagioni di frutta e nei sistemi agroforestali) e gli alberi nei parchi e giardini urbani .

L’indicatore 15.1.2 è la proporzione di siti importanti per la biodiversità terrestre e d’acqua dolce coperti da aree protette, per tipo di ecosistema.

Le aree protette sono coperte da tre indicatori: la proporzione della superficie terrestre totale classificata come protetta; proporzione di importanti siti di biodiversità terrestre che sono protetti; e proporzione di importanti siti di biodiversità di acqua dolce che sono protetti.

Obiettivo: garantire entro il 2020 la conservazione, il ripristino e l’uso sostenibile degli ecosistemi di acqua dolce terrestri e interni e dei loro servizi.

Target 15.2: porre fine alla deforestazione e ripristinare le foreste degradate

L’indicatore 15.2.1 è un progresso verso una gestione forestale sostenibile.

La gestione forestale sostenibile (GFS) è composta da cinque sottoindicatori che misurano i progressi verso tutte le dimensioni della gestione forestale sostenibile.

Tre sottoindicatori si concentrano sull’estensione dell’area forestale, la biomassa all’interno dell’area forestale e la protezione e il mantenimento della diversità biologica. Uno riguarda la disponibilità di un piano di gestione a lungo termine e le aree delle misure finali che sono verificate in modo indipendente per la conformità a una serie di standard nazionali o internazionali.

Obiettivo: promuovere entro il 2020 l’attuazione della gestione sostenibile di tutti i tipi di foreste, fermare la deforestazione, ripristinare le foreste degradate e aumentare sostanzialmente l’imboschimento e il rimboschimento a livello globale.

Target 15.3: Porre fine alla desertificazione e ripristinare i terreni degradati

L’indicatore 15.3.1 è la proporzione di terreno degradato rispetto alla superficie totale.

Obiettivo: entro il 2030, combattere la desertificazione, ripristinare la terra e il suolo degradati, compresi i terreni colpiti da desertificazione, siccità e inondazioni, e lottare per ottenere un mondo neutrale rispetto al degrado del suolo.

Target 15.4: garantire la conservazione degli ecosistemi montani

L’indicatore 15.4.1 è la copertura per aree protette di siti importanti per la biodiversità montana.

Questo indicatore misura la quota media di ogni sito importante per la biodiversità montana che è coperto da aree protette designate. L’indicatore non misura l’efficacia delle aree protette nel ridurre la perdita di biodiversità, che dipende da una serie di fattori di gestione e applicazione.

L’indicatore 15.4.2 è il Mountain Green Cover Index.

Il Mountain Green Cover Index misura la percentuale di aree montuose coperte da una qualche forma di vegetazione verde.

Il Green Cover Index misura i cambiamenti della vegetazione verde nelle aree montane – ovvero foreste, arbusti, alberi, pascoli, terreni coltivati, ecc. – al fine di monitorare i progressi verso l’obiettivo di montagna.

Questo viene monitorato attraverso immagini multi-temporali ad altissima risoluzione da Google Earth e Bing Maps, oltre da set di dati Landsat 7 e 8 da Google Earth Engine.

Obiettivo: assicurare entro il 2030 la conservazione degli ecosistemi montani, compresa la loro biodiversità.

Target 15.5: proteggere la biodiversità e gli habitat naturali

L’indicatore 15.5.1 è il Red List Index.

Il Red List Index (RLI) definisce lo stato di conservazione dei principali gruppi di specie e misura le tendenze nella proporzione di specie che dovrebbero rimanere esistenti nel prossimo futuro senza ulteriori azioni di conservazione.

Un valore RLI di 1,0 equivale a tutte le specie classificate come “a rischio minimo”, e quindi nessuna dovrebbe estinguersi nel prossimo futuro. Un valore 0 indica che tutte le specie si sono estinte.

Obiettivo: intraprendere azioni urgenti e significative per ridurre il degrado degli habitat naturali, arrestare la perdita di biodiversità e, entro il 2020, proteggere e prevenire l’estinzione delle specie minacciate.

Target 15.6: proteggere l’accesso alle risorse genetiche e l’equa condivisione dei benefici

L’indicatore 15.6.1 è il numero di paesi che hanno adottato quadri legislativi, amministrativi e politici per garantire una condivisione giusta ed equa dei benefici.

Questo indicatore viene misurato attraverso diversi sottoindicatori che tracciano la partecipazione dei paesi ai protocolli relativi alla promozione e condivisione delle risorse genetiche per le piante, l’alimentazione e l’agricoltura.

Obiettivo: promuovere entro il 2030 una condivisione equa dei benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche e promuovere un accesso adeguato a tali risorse.

Target 15.7: eliminare il bracconaggio e il traffico di specie protette

L’indicatore 15.7.1 è la percentuale di fauna selvatica commerciata che è stata trafugata o trafficata illecitamente.

Obiettivo: intraprendere azioni urgenti per porre fine al bracconaggio e al traffico di specie protette di flora e fauna ed affrontare sia la domanda che l’offerta di prodotti illegali della fauna selvatica.

Target 15.8: prevenire le specie esotiche invasive sulla terra e negli ecosistemi acquatici

L’indicatore 15.8.1 è la percentuale di paesi che adottano la legislazione nazionale pertinente e stanziano risorse adeguate per la prevenzione o il controllo delle specie esotiche invasive.

Le specie aliene invasive sono specie che vengono introdotte, accidentalmente o intenzionalmente, al di fuori del loro areale geografico naturale e che diventano problematiche. Queste specie invasive sono in grado di riprodursi e diffondersi con estrema facilità, adattandosi perfettamente all’ambiente causando danni ecologici, economici e sanitari.

Obiettivo: introdurre misure per prevenire l’introduzione e ridurre significativamente l’impatto delle specie esotiche invasive sugli ecosistemi terrestri e acquatici e controllare o sradicare le specie prioritarie entro il 2020.

Target 15.9: integrare ecosistema e biodiversità nella pianificazione governativa

L’indicatore 15.9.1 è il progresso verso gli obiettivi nazionali stabiliti in conformità con Aichi Biodiversity Target 2 del Piano Strategico per la Biodiversità 2011-2020.

Obiettivo: integrare entro il 2020 i valori dell’ecosistema e della biodiversità nella pianificazione nazionale e locale, nei processi di sviluppo, nelle strategie e nei conti di riduzione della povertà.

Target 15.A: aumentare le risorse finanziarie per conservare e utilizzare in modo sostenibile l’ecosistema e la biodiversità

L’indicatore 15.A.1 è l’assistenza ufficiale allo sviluppo e la spesa pubblica per la conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità e degli ecosistemi.

Questo indicatore è riportato come l’aiuto pubblico allo sviluppo (APS) annuale per la biodiversità per destinatario e il valore dell’assistenza per donatore.

Obiettivo: mobilitare e aumentare significativamente le risorse finanziarie da tutte le fonti per conservare e utilizzare in modo sostenibile la biodiversità e gli ecosistemi entro il 2030.

Target 15.B: finanziare e incentivare la gestione forestale sostenibile

L’indicatore 15.B.1 è l’assistenza ufficiale allo sviluppo e la spesa pubblica per la conservazione e l’uso sostenibile della biodiversità e degli ecosistemi.

Questo indicatore è riportato come l’aiuto pubblico allo sviluppo (APS) annuale per la biodiversità per destinatario e il valore dell’assistenza per donatore.

Obiettivo: mobilitare risorse significative da tutte le fonti e a tutti i livelli per finanziare la gestione sostenibile delle foreste entro il 2030.

Target 15.C: combattere il bracconaggio e il traffico di specie protette

L’indicatore 15.C.1 è la proporzione di fauna selvatica commerciata che è stata cacciata o trafficata illecitamente.

Obiettivo: rafforzare il sostegno globale agli sforzi per combattere il bracconaggio e il traffico di specie protette entro il 2030.

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo ed ecologo, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo ed ecologo, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.

Continua a leggere...

Generare Elettricità dalle Ombre?

Generare Elettricità dalle Ombre?

Le ombre sono spesso associate all’oscurità e all’incertezza. Ora, i ricercatori del NUS (National University of Singapore) stanno dando alle ombre una svolta positiva dimostrando

Leggi altro »
Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.