SDG 16: Pace, Giustizia e Istituzioni solide

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e la prosperità delle persone e del pianeta, ora e nel futuro. Al centro ci sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG), che sono un appello urgente all’azione da parte di tutti i paesi – sviluppati e in via di sviluppo – in una partnership globale. Riconoscono che porre fine alla povertà e ad altre privazioni deve andare di pari passo con strategie che migliorano la salute e l’istruzione, riducono le disuguaglianze e stimolano la crescita economica, il tutto affrontando il cambiamento climatico e lavorando per preservare i nostri oceani e foreste. Analizziamo nel dettaglio il SDG 16 che parla di pace, giustizia e istituzioni solide. 

Pace, sicurezza e prosperità

Non possiamo sperare in uno sviluppo sostenibile senza pace, stabilità, diritti umani e un governo efficace, basato sullo stato di diritto. Eppure il nostro mondo è sempre più diviso. Alcune regioni godono di pace, sicurezza e prosperità, mentre altre cadono in cicli apparentemente infiniti di conflitti e violenze. Questo non è inevitabile e deve essere affrontato.

La violenza armata e l’insicurezza hanno un impatto distruttivo sullo sviluppo di un paese, influendo sulla crescita economica e spesso provocando rimostranze che durano per generazioni. Anche la violenza sessuale, la criminalità, lo sfruttamento e la tortura sono prevalenti dove c’è conflitto o non c’è stato di diritto e i paesi devono adottare misure per proteggere coloro che sono più a rischio

Gli SDGs mirano a ridurre significativamente tutte le forme di violenza e collaborano con i governi e le comunità per porre fine a conflitti e insicurezza. La promozione dello stato di diritto e dei diritti umani è fondamentale in questo processo, così come la riduzione del flusso di armi illecite e il rafforzamento della partecipazione dei paesi in via di sviluppo alle istituzioni di governance globale.

Il ruolo delle imprese

Il business prospera in ambienti pacifici con istituzioni efficaci in cui i costi operativi sono prevedibili e gli ambienti di lavoro sono stabili. La mancata attuazione di pratiche aziendali responsabili può comportare costi e rischi aggiuntivi (finanziari, legali, reputazionali) per l’azienda stessa e può esacerbare le tensioni e l’instabilità nella società e minare lo stato di diritto. La corruzione provoca inefficienze nei mercati perché rende incerti i costi di transazione, è anticoncorrenziale e ostacola la capacità delle aziende di rispettare i diritti umani e altri obblighi.

Al contrario, un’impresa responsabile può, attraverso il suo core business, gli investimenti sociali strategici, l’impegno nelle politiche pubbliche e l’azione collettiva, dare un contributo significativo alla pace, allo sviluppo e alla prosperità duraturi, garantendo nel contempo il successo aziendale a lungo termine. Tra le altre cose, le imprese possono impegnarsi a collaborare con i governi e la società civile per eliminare la corruzione in tutte le sue forme e per sostenere il rafforzamento dello stato di diritto. Concentrandosi sui modi in cui un’impresa responsabile contribuisce al progresso di queste tre dimensioni dello sviluppo sostenibile; condurre gli affari responsabilmente in aree ad alto rischio, combattere la corruzione, rispettare e sostenere lo stato di diritto – gli affari possono contribuire a società più pacifiche e inclusive e sostenere istituzioni efficaci e responsabili.

La dimensione ambientale del SDG 16

L’ONU spiega: l’obiettivo 16 degli Obiettivi di sviluppo sostenibile è dedicato alla promozione di società pacifiche e inclusive per lo sviluppo sostenibile, alla fornitura di accesso alla giustizia per tutti e alla creazione di istituzioni efficaci e responsabili a tutti i livelli. Questo mira a promuovere società pacifiche a livello nazionale, così come il ruolo della cooperazione a livello internazionale.

I 12 target dell’ONU per il SDG 16

L’ONU ha definito 12 Target e 23 Indicatori per il SDG 16. I target specificano gli obiettivi e gli indicatori rappresentano le metriche con cui il mondo mira a monitorare se questi target vengono raggiunti. Di seguito riportiamo il testo originale di tutti i target con i vari indicatori associati ad ognuno.

Target 16.1: Ridurre la violenza ovunque

jL’indicatore 16.1.1 è il numero di vittime di omicidio intenzionale ogni 100.000 abitanti, per sesso ed età.

Gli omicidi intenzionali sono stime di omicidi illegali inflitti di proposito a seguito di controversie domestiche, violenza interpersonale, conflitti violenti sulle risorse della terra, violenza intergang sul territorio o controllo e violenza predatoria e uccisioni da parte di gruppi armati.

L’indicatore 16.1.2 indica i decessi per conflitti ogni 100.000 abitanti, suddivisi per sesso, età e causa.

Le morti legate a conflitti sono il numero di morti per 100.000 persone dovute a guerre, conflitti e morti legate al terrorismo.

L’indicatore 16.1.3 è la percentuale di popolazione che ha subito (a) violenza fisica, (b) violenza psicologica e (c) violenza sessuale nei 12 mesi precedenti.

L’indicatore 16.1.4 è la percentuale di popolazione che si sente al sicuro camminando da sola nell’area in cui vive.

Obiettivo: ridurre significativamente tutte le forme di violenza e i relativi tassi di mortalità in tutti i paesi entro il 2030.

Non esiste un livello obiettivo di riduzione definito per questo indicatore.

Target 16.2: Proteggere i bambini da abusi, sfruttamento, tratta e violenza

L’indicatore 16.2.1 è la percentuale di bambini di età compresa tra 1 e 17 anni che hanno subito nell’ultimo mese punizioni fisiche e/o aggressioni psicologiche da parte dei caregiver.

I dati per questo indicatore misurano la percentuale di bambini di età pari o inferiore a 14 anni che hanno subito violenza da parte di un caregiver nel mese precedente.

L’indicatore 16.2.2 è il numero di vittime della tratta di esseri umani ogni 100.000 abitanti.

I dati per questo indicatore misurano la prevalenza della tratta di esseri umani tra donne e uomini per le persone di età pari o inferiore a 18 anni e per le persone di età superiore ai 18 anni.

L’indicatore 16.2.3 è la percentuale di giovani donne e uomini di età compresa tra 18 e 29 anni che hanno subito violenza sessuale all’età di 18 anni.

I dati per questo indicatore sono forniti come percentuale di donne e uomini di età compresa tra 18 e 29 anni che hanno subito violenza sessuale prima dei 18 anni; questi dati sono tuttavia molto limitati.

Obiettivo: proteggere i bambini da abusi, sfruttamento, tratta e violenza in tutti i paesi entro il 2030.

Target 16.3: Promuovere lo stato di diritto e garantire parità di accesso alla giustizia

L’indicatore 16.3.1 è la percentuale di vittime di violenza nei 12 mesi precedenti che hanno denunciato la loro vittimizzazione alle autorità competenti.

L’indicatore 16.3.2 rappresenta i detenuti non condannati in proporzione alla popolazione carceraria complessiva.

Questo indicatore misura il numero totale di persone detenute che non sono state ancora condannate, come percentuale del numero totale di persone detenute, in una data specifica.

L’indicatore 16.3.3 è la percentuale della popolazione che ha subito una controversia negli ultimi due anni e che ha avuto accesso a un meccanismo di risoluzione delle controversie formale o informale, per tipo di meccanismo.

Obiettivo: garantire un accesso equo alla giustizia per tutti in tutti i paesi entro il 2030.

Target 16.4: Combattere la criminalità organizzata ei flussi illeciti finanziari e di armi

L’indicatore 16.4.1 è il valore totale dei flussi finanziari illeciti in entrata e in uscita.

Ridurre significativamente i flussi finanziari e di armi illeciti in tutti i paesi entro il 2030.

L’indicatore 16.4.2 è la percentuale di armi sequestrate, ritrovate o consegnate la cui origine o contesto illeciti sono stati rintracciati o accertati da un’autorità competente.

Obiettivo: rafforzare il recupero e la restituzione dei beni rubati e combattere tutte le forme di criminalità organizzata in tutti i paesi entro il 2030.

Target 16.5: Ridurre sostanzialmente la corruzione e la concussione

L’indicatore 16.5.1 è la percentuale di persone che hanno avuto almeno un contatto con un funzionario pubblico e che hanno pagato una tangente a un funzionario pubblico, o hanno ricevuto una tangente da tali funzionari pubblici, nei 12 mesi precedenti.

L’indicatore 16.5.2 è la percentuale di imprese che hanno avuto almeno un contatto con un funzionario pubblico e che hanno pagato una tangente a un funzionario pubblico, o che hanno ricevuto una tangente da tali funzionari durante i 12 mesi precedenti.

L’incidenza della corruzione è la percentuale di aziende che hanno ricevuto almeno una richiesta di pagamento di tangenti in 6 transazioni pubbliche relative all’accesso ai servizi pubblici, ai permessi, alle licenze e alle tasse.

Obiettivo: ridurre sostanzialmente la corruzione in tutte le sue forme in tutti i paesi entro il 2030.

Target 16.6: Sviluppare istituzioni efficaci, responsabili e trasparenti

L’indicatore 16.6.1 è la spesa pubblica primaria in proporzione al bilancio originariamente approvato, per settore (o per codici di bilancio o simili).

L’indicatore 16.6.2 è la percentuale di popolazione soddisfatta dell’ultima esperienza di servizi pubblici.

Obiettivo: sviluppare istituzioni efficaci, responsabili e trasparenti a tutti i livelli entro il 2030.

Target 16.7: Garantire un processo decisionale reattivo, inclusivo e rappresentativo

L’indicatore 16.7.1 è la proporzione delle posizioni (per sesso, età, persone con disabilità e gruppi di popolazione) nelle istituzioni pubbliche (legislature nazionali e locali, servizio pubblico e magistratura) rispetto alle distribuzioni nazionali.

L’indicatore 16.7.2 è la percentuale di popolazione che ritiene che il processo decisionale sia inclusivo e reattivo, per sesso, età, disabilità e gruppo di popolazione.

Obiettivo: garantire un processo decisionale reattivo, inclusivo, partecipativo e rappresentativo a tutti i livelli entro il 2030.

Target 16.8: Rafforzare la partecipazione alla governance globale

L’indicatore 16.8.1 è la percentuale di membri e diritti di voto dei paesi in via di sviluppo nelle organizzazioni internazionali.

Questo indicatore è misurato dalla proporzione di membri dei paesi in via di sviluppo in una serie di organizzazioni internazionali e dalla percentuale di diritti di voto che ogni paese è assegnato a tali organizzazioni.

Obiettivo: ampliare e rafforzare la partecipazione dei paesi in via di sviluppo alle istituzioni di governance globale entro il 2030.

Target 16.9: Fornire identità legale universale

L’indicatore 16.9.1 è la percentuale di bambini di età inferiore a 5 anni le cui nascite sono state registrate presso un’autorità civile.

La completezza della registrazione delle nascite è la percentuale di bambini di età inferiore ai 5 anni le cui nascite sono state registrate al momento dell’indagine.

Il numeratore di completezza della registrazione di nascita include i bambini il cui certificato di nascita è stato visto dall’intervistatore o la cui madre o tutore afferma che la nascita è stata registrata.

Obiettivo: fornire identità legale a tutti entro il 2030.

Ciò richiede la registrazione universale delle nascite in tutti i paesi entro il 2030.

Target 16.10: Garantire l’accesso del pubblico alle informazioni e proteggere le libertà fondamentali

L’indicatore 16.10.1 è il numero di casi verificati di uccisione, rapimento, sparizione forzata, detenzione arbitraria e tortura di giornalisti, personale dei media associato, sindacalisti e difensori dei diritti umani nei 12 mesi precedenti.

I dati sono disponibili per il numero di omicidi su giornalisti o altro personale dei media, dato come numero totale in un determinato paese e suddivisi per genere.

Obiettivo: proteggere le libertà fondamentali in tutti i paesi entro il 2030.

L’indicatore 16.10.2 è il numero di paesi che adottano e attuano garanzie costituzionali, statutarie e/o politiche per l’accesso del pubblico alle informazioni.

Obiettivo: garantire l’accesso del pubblico alle informazioni in tutti i paesi entro il 2030.

Target 16.A: Rafforzare le istituzioni nazionali per prevenire la violenza e combattere la criminalità e il terrorismo

L’indicatore 16.A.1 è l’esistenza di istituzioni nazionali indipendenti per i diritti umani in conformità con i Principi di Parigi.

I dati riflettono la conformità delle istituzioni nazionali esistenti per i diritti umani con i Principi relativi allo status delle istituzioni nazionali (Principi di Parigi) basati sulle regole procedurali dell’Alleanza globale delle istituzioni nazionali per i diritti umani (GANHRI).

Obiettivo: rafforzare le istituzioni nazionali competenti per sviluppare capacità a tutti i livelli, prevenire la violenza e combattere il terrorismo e la criminalità in tutti i paesi entro il 2030.

Target 16.B: Promuovere e far rispettare leggi e politiche non discriminatorie

L’indicatore 16.B.1 è la percentuale di popolazione che ha denunciato di essersi sentita personalmente discriminata o molestata nei 12 mesi precedenti sulla base di un motivo di discriminazione vietato dal diritto internazionale dei diritti umani.

Obiettivo: promuovere e far rispettare leggi e politiche non discriminatorie per lo sviluppo sostenibile in tutti i paesi entro il 2030.

Ti piacciono i nostri contenuti? Seguici sui nostri canali.

Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo e Global Change Ecologist, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo e Global Change Ecologist, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.

Continua a leggere...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.