SDG 5: Parità di genere

SDG 5: Parità di genere

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e la prosperità delle persone e del pianeta, ora e nel futuro. Al centro ci sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG), che sono un appello urgente all’azione da parte di tutti i paesi – sviluppati e in via di sviluppo – in una partnership globale. Riconoscono che porre fine alla povertà e ad altre privazioni deve andare di pari passo con strategie che migliorano la salute e l’istruzione, riducono le disuguaglianze e stimolano la crescita economica, il tutto affrontando il cambiamento climatico e lavorando per preservare i nostri oceani e foreste. Analizziamo nel dettaglio il SDG 3 che parla della parità di genere.

Il pregiudizio di genere sta minando il nostro tessuto sociale e svalutando tutti noi

L’ONU spiega: “L’uguaglianza di genere non è solo un diritto umano fondamentale, ma una base necessaria per un mondo pacifico, prospero e sostenibile.

Fornire alle donne e alle ragazze parità di accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria, al lavoro dignitoso e alla rappresentanza nei processi decisionali politici ed economici alimenterà economie sostenibili e gioverà alle società e all’umanità in generale”.

L’uguaglianza di genere entro il 2030 richiede un’azione urgente per eliminare le molte cause profonde di discriminazione che ancora limitano i diritti delle donne nella sfera pubblica e privata. Ad esempio, le leggi discriminatorie devono cambiare e la legislazione adottata per promuovere in modo proattivo l’uguaglianza. Eppure, 49 paesi non hanno ancora leggi che proteggano le donne dalla violenza domestica, mentre 39 vietano uguali diritti di eredità per figlie e figli. L’eliminazione della violenza di genere è una priorità, dato che questa è una delle violazioni dei diritti umani più pervasive nel mondo di oggi. Sulla base dei dati provenienti da 87 paesi, 1 donna e ragazza su 5 di età inferiore ai 50 anni avrà subito violenza fisica e/o sessuale da parte di un partner intimo negli ultimi 12 mesi. Pratiche dannose, come il matrimonio precoce, rubano l’infanzia di 15 milioni di ragazze sotto i 18 anni ogni anno.

Le donne svolgono 2,6 volte più assistenza non retribuita e lavoro domestico rispetto agli uomini. Mentre le famiglie, le società e le economie dipendono da questo lavoro, per le donne questo comporta guadagni inferiori e meno tempo per dedicarsi ad attività non lavorative. Oltre all’equa distribuzione delle risorse economiche, che non è solo un diritto, ma accelera lo sviluppo in molteplici ambiti, occorre un giusto equilibrio di responsabilità per il lavoro di cura non retribuito tra uomini e donne.

I diritti sessuali e riproduttivi sono fondamentali di per sé. Le carenze in queste ultime moltiplicano altre forme di discriminazione, privando le donne dell’istruzione e di un lavoro dignitoso, ad esempio. Eppure solo il 52% delle donne sposate o unite da un’unione prende liberamente le proprie decisioni sui rapporti sessuali, sull’uso di contraccettivi e sull’assistenza sanitaria.

Sebbene più donne siano entrate in posizioni politiche negli ultimi anni, anche attraverso l’uso di quote speciali, detengono ancora solo il 23,7 per cento dei seggi parlamentari, ben al di sotto della parità. La situazione non è molto migliore nel settore privato, dove le donne occupano globalmente meno di un terzo delle posizioni dirigenziali e intermedie.

Gli effetti della pandemia di COVID-19 sul SDG 5

Gli effetti della pandemia di COVID-19 potrebbero invertire i limitati progressi compiuti in materia di parità di genere e diritti delle donne. L’epidemia di coronavirus aggrava le disuguaglianze esistenti per donne e ragazze in ogni ambito: dalla salute e dall’economia, alla sicurezza e alla protezione sociale.

Gli impatti socioeconomici della pandemia di COVID-19 hanno influito negativamente sui recenti progressi sulla parità di genere: la violenza contro donne e ragazze si è intensificata, i matrimoni precoci dovrebbero aumentare dopo il calo negli anni precedenti e l’aumento del lavoro di cura a domicilio sta colpendo le donne in modo sproporzionato. La pandemia ha evidenziato la necessità di un’azione rapida per affrontare la disuguaglianza di genere che rimane pervasiva a livello globale e per tornare sulla buona strada per raggiungere l’uguaglianza di genere. Le donne hanno svolto un ruolo fondamentale nella risposta alla pandemia come operatori sanitari in prima linea, caregiver, manager e leader degli sforzi di risposta e recupero. Tuttavia, rimangono sottorappresentati in posizioni di leadership critiche e i loro diritti e le loro priorità spesso non sono esplicitamente affrontati in tali sforzi. La crisi rappresenta un’opportunità per rimodellare e ricostruire sistemi, leggi, politiche e istituzioni al fine di promuovere l’uguaglianza di genere.

La dimensione ambientale del SDG 5

L’uguaglianza di genere non è solo un diritto umano fondamentale, ma una base necessaria per un mondo pacifico, prospero e sostenibile.

Ci sono stati progressi negli ultimi decenni: più ragazze vanno a scuola, meno ragazze sono costrette a matrimoni precoci, più donne servono in parlamento e in posizioni di leadership e le leggi vengono riformate per promuovere l’uguaglianza di genere.

Nonostante questi progressi, permangono molte sfide: le leggi e le norme sociali discriminatorie rimangono pervasive, le donne continuano a essere sottorappresentate a tutti i livelli di leadership politica e 1 donna e ragazza su 5 di età compresa tra 15 e 49 anni riferisce di aver subito violenza fisica o sessuale da parte di un partner intimo entro un periodo di 12 mesi.

I 9 target dell’ONU per il SDG 5

L’ONU ha definito 9 target e 14 indicatori per il SDG 5. I target specificano gli obiettivi e gli indicatori rappresentano le metriche con cui il mondo mira a monitorare se questi target vengono raggiunti. Di seguito riportiamo il testo originale di tutti i target con i vari indicatori associati ad ognuno.

Target 5.1: porre fine alla discriminazione contro donne e ragazze

L’indicatore 5.1.1 indica se esistono o meno quadri giuridici per promuovere, applicare e monitorare l’uguaglianza e la non discriminazione sulla base del sesso.

Obiettivo: entro il 2030 porre fine a tutte le forme di discriminazione contro tutte le donne e le ragazze ovunque.

Target 5.2: Porre fine a tutte le violenze e lo sfruttamento di donne e ragazze

L’indicatore 5.2.1 è la percentuale di donne e ragazze di età pari o superiore a 15 anni soggette a violenza fisica, sessuale o psicologica da parte di un partner intimo attuale o precedente nei 12 mesi precedenti, per forma di violenza e per età.

Questo è misurato come la quota di donne di età pari o superiore a 15 anni che hanno subito violenza fisica o sessuale da un partner intimo nell’ultimo anno.

Obiettivo: eliminare entro il 2030 ogni forma di violenza contro tutte le donne e le ragazze.

L’indicatore 5.2.2 è la percentuale di donne e ragazze di età pari o superiore a 15 anni soggette a violenza sessuale da parte di persone diverse dal partner intimo nei 12 mesi precedenti, per età e luogo dell’evento.

Obiettivo: eliminare entro il 2030 ogni forma di violenza contro tutte le donne e le ragazze.

Target 5.3: Eliminare i matrimoni forzati e le mutilazioni genitali

L’indicatore 5.3.1 è la percentuale di donne di età compresa tra 20 e 24 anni che sono state sposate o hanno avuto un’unione prima dei 15 anni e prima dei 18 anni.

Questo è misurato come la quota di donne di età compresa tra 20 e 24 anni che si sono sposate prima dei 15 anni; e la quota che si è sposata prima dei 18 anni.

Obiettivo: eliminare il matrimonio infantile, precoce o forzato entro il 2030.

L’indicatore 5.3.2 è la percentuale di ragazze e donne di età compresa tra 15 e 49 anni che hanno subito mutilazioni/escissioni genitali femminili.

Questo è misurato come la quota di donne di età compresa tra 15 e 49 anni che hanno subito la rimozione parziale o totale dei genitali esterni femminili o altre lesioni agli organi genitali femminili per motivi culturali o non terapeutici.

Obiettivo: eliminare le pratiche dannose come la mutilazione/escissione genitale femminile entro il 2030.

Target 5.4: Valorizzare l’assistenza non retribuita e promuovere responsabilità domestiche condivise

L’indicatore 5.4.1 è la proporzione di tempo dedicato al lavoro domestico e di cura non retribuito, per sesso, età e luogo.

Obiettivo: entro il 2030 riconoscere e valorizzare l’assistenza non retribuita e il lavoro domestico e promuovere la responsabilità condivisa all’interno della famiglia e della famiglia.

Target 5.5: Garantire la piena partecipazione alla leadership e al processo decisionale

L’indicatore 5.5.1 è la proporzione di seggi detenuti da donne in (a) parlamenti nazionali e (b) governi locali.

Questo è misurato come la quota di seggi parlamentari nazionali e incarichi ministeriali ricoperti dalle donne per ciascun paese in un dato anno.

L’indicatore 5.5.2 è la proporzione di donne in posizioni dirigenziali.

Questo è misurato come la percentuale di aziende in un dato paese con una donna come top manager e la quota di posizioni dirigenziali intermedie o senior ricoperte da una donna.

Obiettivo: entro il 2030 garantire la piena ed effettiva partecipazione delle donne e pari opportunità di leadership a tutti i livelli del processo decisionale nella vita politica.

Target 5.6: Accesso universale ai diritti riproduttivi e alla salute

L’indicatore 5.6.1 è la percentuale di donne di età compresa tra 15 e 49 anni che prendono le proprie decisioni informate in merito alle relazioni sessuali, all’uso di contraccettivi e all’assistenza sanitaria riproduttiva.

Obiettivo: entro il 2030 garantire l’accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva e ai diritti riproduttivi.

L’indicatore 5.6.2 è il numero di paesi con leggi e regolamenti che garantiscono l’accesso pieno e paritario a donne e uomini di età pari o superiore a 15 anni all’assistenza sanitaria, all’informazione e all’istruzione in materia di salute sessuale e riproduttiva.

Obiettivo: entro il 2030 garantire l’accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva e ai diritti riproduttivi.

Target 5.A: Pari diritti alle risorse economiche, alla proprietà immobiliare e ai servizi finanziari

L’indicatore 5.A.1 è la proporzione della popolazione agricola totale con diritti di proprietà o sicuri su terreni agricoli, per sesso; e (b) quota di donne tra proprietari o titolari di diritti di terreni agricoli, per tipo di possesso.

Obiettivo: entro il 2030 dare alle donne pari diritti alle risorse economiche, nonché l’accesso alla proprietà e al controllo della terra e di altre forme di proprietà.

L’indicatore 5.A.2 è la proporzione di paesi in cui il quadro giuridico (compreso il diritto consuetudinario) garantisce pari diritti delle donne alla proprietà e/o al controllo della terra.

Questo viene misurato sulla base del fatto che il quadro giuridico di un determinato paese garantisca i diritti uguali delle donne alla proprietà della terra.

Obiettivo: intraprendere entro il 2030 riforme per garantire alle donne pari diritti alle risorse economiche, nonché l’accesso alla proprietà e al controllo della terra e di altre forme di proprietà.

Target 5.B: Promuovere l’emancipazione delle donne attraverso la tecnologia

L’indicatore 5.B.1 è la proporzione di individui che possiedono un telefono cellulare, per sesso.

Obiettivo: entro il 2030 potenziare l’uso delle tecnologie abilitanti, in particolare delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, per promuovere l’emancipazione delle donne.

Target 5.C: Adottare e rafforzare le politiche e la legislazione applicabile per l’uguaglianza di genere

L’indicatore 5.C.1 è la proporzione di paesi con sistemi per tracciare ed effettuare stanziamenti pubblici per l’uguaglianza di genere e l’emancipazione delle donne.

Obiettivo: adottare e rafforzare entro il 2030 politiche sane e leggi applicabili per la promozione dell’uguaglianza di genere.

Ti piacciono i nostri contenuti? Seguici sui nostri canali.

Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo e Global Change Ecologist, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.
Manuel Perin

Manuel Perin

Biologo e Global Change Ecologist, appassionato di sostenibilità ambientale ed energetica. Il mio obiettivo è quello di studiare e divulgare tutto ciò che riguarda la salvaguardia ambientale e il raggiungimento dei SDGs, prestando particolare attenzione alle Nature Based Solutions e alle energie rinnovabili.

Continua a leggere...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.