Un Futuro Rinnovabile per le Compagnie Petrolifere?

Un futuro rinnovabile per le compagnie petrolifere?

Tutte e sette le principali compagnie petrolifere hanno pubblicamente concordato attraverso le loro relazioni e dichiarazioni annuali che il cambiamento climatico è una delle principali minacce dei nostri tempi e che dovrebbero contribuire alla transizione energetica.
Tuttavia, esiste una grande differenza tra le società europee (ad esempio BP, Eni, Equinor, Royal Dutch Shell e Total) e le società statunitensi (ad esempio Chevron ed ExxonMobil) nell’urgenza e nel ritmo con cui queste società stanno pianificando di trasformare le loro attività.
Le aziende statunitensi non devono affrontare la stessa pressione dall’alto verso il basso per decarbonizzare le loro attività come fanno i loro coetanei europei, e nonostante la richiesta sociale di azioni per il clima, le aziende statunitensi stanno ancora scommettendo su un futuro a lungo termine per il petrolio. Sebbene i loro investimenti nelle energie rinnovabili siano pochi (con un marginale coinvolgimento nei biocarburanti), le aziende statunitensi stanno investendo in gran parte nel CCS come mezzo per contribuire ai loro impegni per ridurre le emissioni di carbonio, nonché nelle nuove tecnologie energetiche e in miglioramenti dell’efficienza come un modo per ridurre le emissioni delle loro operazioni. Ma allora si può intravedere un futuro rinnovabile per le compagnie petrolifere?

Gli USA non seguono l’Europa


Sia Chevron che ExxonMobil stanno al passo con la trivellazione di scisto e commerciano gas naturale, e si stanno fondendo con compagnie petrolifere più piccole per garantire che le riserve siano sempre presenti. Ad esempio, nel luglio 2020, Chevron ha acquisito la piccola compagnia petrolifera Noble Energy, che darà a Chevron una presenza nelle acque israeliane dove Noble Energy ha scoperto un grande giacimento di gas. Commentando la transizione energetica, il vicepresidente di Chevron ha annunciato: “La nostra strategia non è seguire gli europei. La nostra strategia è quella di decarbonizzare le nostre risorse esistenti nel modo più conveniente e introdurre costantemente nuove tecnologie e nuove forme di energia. Ma non stiamo chiedendo ai nostri investitori di sacrificare il rendimento o di andare avanti con tre decenni di incertezza sui dividendi”.
Come Chevron, l’impegno di ExxonMobil per le energie rinnovabili è molto limitato, con investimenti mirati alle tecnologie di cattura del carbonio mentre si produce più petrolio.
D’altra parte, le aziende europee hanno già iniziato a investire nelle energie rinnovabili scommettendo anche su un futuro come fornitori di elettricità. I loro sforzi per investire nelle tecnologie rinnovabili sono in linea con gli sforzi dell’Europa per una transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, spinta anche da pressioni politiche e finanziarie. Tuttavia, anche se alcune società europee hanno assunto impegni di azzeramento netto e fissato obiettivi di emissioni ambiziosi (come la Danimarca), questi non includono tagli sostanziali all’estrazione e/o alla produzione di petrolio a breve termine.

Dal punto di vista aziendale, questo potrebbe essere considerata una strategia appropriata che massimizzi i rendimenti per gli azionisti, ma nel più ampio contesto delle sfide climatiche e della transizione energetica può essere considerata miope. C’è ancora una mancanza di comprensione di come le loro azioni a breve termine siano allineate con i loro obiettivi a lungo termine, poiché gli annunci di obiettivi netti zero delle aziende non sono accompagnati da una roadmap di decarbonizzazione, divisa per catena del valore, che mostra un percorso concreto su come raggiungerli.

I progetti climatici a lungo termine

Mentre fissare obiettivi di emissioni nette zero è lodevole, se gli obiettivi non sono collegati a un budget di carbonio o se non ci sono obiettivi a breve termine sul percorso verso lo zero, allora questi obiettivi non sono in grado di raccontare la storia completa e la loro credibilità può essere messa in dubbio. Due aspetti dovrebbero essere considerati quando si valutano gli obiettivi delle aziende. In primo luogo, esiste una chiara distinzione tra obiettivi basati sull’intensità e obiettivi assoluti. Basato sull’intensità si riferisce alla quantità di emissioni per unità di energia.
Pertanto, questi tipi di obiettivi possono essere raggiunti semplicemente aumentando la quota di prodotti energetici a basse emissioni di carbonio, nonché sviluppando pozzi di assorbimento del carbonio senza ridurre la produzione di petrolio. Di conseguenza, gli obiettivi basati sull’intensità non implicano un taglio delle emissioni in termini assoluti e consentono comunque la produzione di combustibili fossili. Gli obiettivi su base assoluta, invece, si riferiscono alla quantità totale di emissioni emesse. Questi riconoscono che il bilancio del carbonio è limitato e implicano un taglio assoluto delle emissioni dalla produzione di petrolio.

La portata delle emissioni

Un altro aspetto da considerare è la portata delle emissioni, di cui esistono tre tipologie. Scope 1 e Scope 2 si riferiscono alle emissioni rilasciate nelle operazioni e nell’energia elettrica acquistata nella catena di fornitura (le emissioni di Scopo 1 sono quelle rilasciate come risultato diretto delle risorse di proprietà e controllate dell’azienda e le emissioni di Scopo 2 quelle rilasciate indirettamente dall’ elettricità acquistata). Lo Scope 3 si riferisce alle emissioni derivanti dall’uso di petrolio provenienti dalla combustione finale (ovvero, quando i prodotti petroliferi vengono effettivamente utilizzati).
Concentrandosi solo su Scope 1 e Scope 2 non si riconosce l’impatto della riduzione dell’uso di petrolio nella transizione, perché tiene conto di tutta l’energia prodotta (indipendentemente dalla sua fonte). In quanto tale, ciò consentirebbe alla produzione di petrolio di crescere fintanto che verranno aggiunte al portafoglio sufficienti fonti di energia decarbonizzate. L’approccio corretto, al contrario, sarebbe quello di considerare la categoria molto più ampia di emissioni da combustibili e prodotti che le aziende vendono ai consumatori, in quanto costituiscono all’85% delle emissioni totali del settore.

Il futuro di Total e Shell

Sulla base di quanto sopra esposto, si possono fare alcune considerazioni in merito alle sette società analizzate.
Total e Shell hanno tutti obiettivi basati sull’intensità, che coprono gli Scope di emissione 1, 2 e 3. Poiché si basano su un approccio di intensità, gli obiettivi non riescono a comprendere l’intero budget di carbonio. In particolare, Shell si è impegnata a ridurre la propria intensità di emissioni del 65% entro il 2050.
Sebbene questo obiettivo si riferisca agli Scope di emissione 1, 2 e 3, poiché è basato sull’intensità, lascia aperta la porta all’espansione di petrolio e gas. Questo obiettivo è anche perfezionato da un altro obiettivo che Shell ha, cioè quello di raggiungere emissioni nette pari a zero nelle proprie operazioni e usi energetici. Comunque, il
net-zero target si applica solo alle emissioni di Scope 1 e 2 e non alle emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili che l’azienda vende.
Inoltre, Shell mira a diventare un “business energetico a emissioni zero” attraverso il coinvolgimento attivo dei suoi consumatori. La strategia dell’azienda afferma che: “i nostri clienti possono agire sulle loro emissioni e tali azioni da parte dei nostri clienti possono aiutare Shell a diventare un’azienda a zero emissioni nette”.8 L’approccio al coinvolgimento dei consumatori è lodevole, così come lo è l’obiettivo per le operazioni della società. Tuttavia, senza obiettivi chiari a breve termine prima del 2050, e soprattutto senza obiettivi specifici per le emissioni assolute, è difficile qualificare Shell come un’azienda net-zero.

Il caso di Total è simile: l’ambizione net-zero riguarda Scope 1 e Scope 3, ma solo per la sua produzione europea, mentre l’obiettivo globale è il 60% di riduzione dell’intensità.

BP, Eni ed Equinor e gli obiettivi assoluti

BP, Eni ed Equinor, invece, hanno obiettivi assoluti. Tuttavia, l’obiettivo net zero di BP non include Rosneft (una compagnia energetica integrata russa specializzata in esplorazione, estrazione, produzione, raffinamento, trasporto e vendita di petrolio, gas naturale e prodotti petroliferi) che costituisce il 29% della sua produzione e non include obiettivi a breve termine per raggiungere l’obiettivo del 2050. Inoltre, BP non prevede di raggiungere emissioni zero da petrolio e gas estratti da altri società ed elaborati da BP e rivenduti; piuttosto, mira a ridurre l’intensità di carbonio (quantità di emissioni per unità di energia) di questi prodotti del 50% entro il 2050.
In particolare, la combustione di questi combustibili crea ulteriori 77 milioni di tonnellate di emissioni all’anno.
Eni, nel frattempo, sembra essere davanti ai suoi concorrenti, perché sebbene abbia solo un obiettivo dell’80% (non zero netto), considera le emissioni di Scope 3 e ha anche obiettivi a breve termine per gli anni precedenti al 2050. Equinor, ha anche annunciato un obiettivo di emissioni nette assolute (Scope 1, 2 e 3) entro il 2050 e punta ancora a raggiungere la neutralità del carbonio nelle operazioni globali entro il 2030 e ridurre le emissioni assolute di gas serra in Norvegia entro il 2050.
Al contrario, le due società statunitensi, Chevron ed ExxonMobil, hanno solo obiettivi a breve termine (2023 e 2025), relativi alla riduzione dell’intensità delle emissioni di Scope 1 e Scope 2.

Fonte (International oil companies and the energy transition-2021 IRENA)

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico e Global Change Ecologist, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico e Global Change Ecologist, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.

Continua a leggere...

Generare Elettricità dalle Ombre?

Generare Elettricità dalle Ombre?

Le ombre sono spesso associate all’oscurità e all’incertezza. Ora, i ricercatori del NUS (National University of Singapore) stanno dando alle ombre una svolta positiva dimostrando

Leggi altro »
Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.